Abusi

Chiacchiere chiacchiere e ancora chiacchiere … Si gira intorno al problema senza mai venirne a capo.

Diciamolo una volta per tutte, in tutti i sistemi dittatoriali, in tutti i regimi, il TSO è stato utilizzato per zittire anarchici, disobbedienti ed avversi al sistema vigente. Leggi tutto …

gregorio2

Gregorio Durante venne trovato morto, nel carcere di Trani, la mattina del 31 dicembre 2011.
Entrai in contatto con la madre, Ornella Chiffi, e, dopo ore di confronto telefonico, pubblicai sulle Urla dal Silenzio, il 3 marzo 2012, un lungo resoconto sulla vicenda (vai al link..https://urladalsilenzio.wordpress.com/2012/03/04/avete-ucciso-gregorio-durante/). Una storia che ha generato l’indignazione di chiunque ne sia venuto a conoscenza. Leggi tutto …

Proteste7

Quando il 26 settembre, 43 studenti messicani sono stati sequestrati e mai più ritrovati, fui molto colpito dalla vigorosa forza morale che trasmettevano le manifestazioni di protesta fatte in Messico; e anche di come questa vicenda ha avuto risonanza in molte parti del mondo, con una catena di indignazione e solidarietà che non ha trovato confini. Volevo scrivere qualcosa di un po’ più approfondito sulla vicenda, e per questo avevo bisogno della “voce” di qualcuno che lì, sul posto, avesse una conoscenza di prima mano dei fatti e del contesto. L’amica messicana Ana Lara mi ha messo in contatto con Araceli Olivos Portugal, avvocatessa messicana a difesa dei diritti umani e che da questo momento chiamerò semplicemente Chely. Per fare capire il livello del personaggio, cito di seguito la presentazione che di se stessa e del suo lavoro ha fatto Chely: Leggi tutto …

41bis

La lettera che leggerete mi è giunta nell’ambito della gestione del Blog Le Urla dal Silenzio, dedicato alle tematiche carcerarie.

Oltre che inserirla negli spazi dedicati alle tematiche carcerarie, voglio condividerla in questa nota con persone attente al mondo carcerario o che comunque sono in grado di fare qualche intervento che possa essere utile.

Quello che mi ha inviato Pasquale Mollica, detenuto a Sulmona, è l’ennesima vicenda indegna che avviene nelle carceri. Leggi tutto …

perna

«Tu non dimenticare mai che Federico veniva picchiato (non solo a Poggioreale, ma anche nelle altre carceri), perché stava male e stando male chiedeva aiuto, e quindi disturbava. Per via della grande debolezza che aveva, Federico sveniva spesso in cella e allora i ragazzi che erano con lui o nelle celle intorno alla sua chiedevano aiuto agli ispettori e agli agenti. Queste costanti richieste di aiuto erano fastidiose per le guardie e quando diventavano troppo frequenti, Federico prendeva le botte. Leggi tutto …